La versione italiana di Wikipedia è stata oscurata per protesta contro la riforma del copyright

Tutte le pagine della versione italiana di Wikipedia sono state oscurate per protesta contro la riforma europea del copyright, che dovrebbe essere approvata definitivamente il 26 marzo dal Parlamento Europeo. Provando ad accedere alle pagine, si trova questo messaggio:

Il 26 marzo il Parlamento europeo voterà su una nuova direttiva sul diritto d’autore. La direttiva imporrà ulteriori oneri di licenza ai siti web che raccolgono e organizzano le notizie (articolo 11), e forzerà le piattaforme a scansionare tutti i materiali caricati dagli utenti e bloccare automaticamente quelli contenenti elementi potenzialmente sottoposti a diritti d’autore (articolo 13).

Entrambi questi articoli rischiano di colpire in modo rilevante la libertà di espressione e la partecipazione online. Nonostante Wikipedia non sia direttamente toccata da queste norme, il nostro progetto è parte integrante dell’ecosistema di internet. Gli articoli 11 e 13 indebolirebbero il web, e indebolirebbero Wikipedia.

Wikipedia Italia invita poi gli utenti a contattare un proprio rappresentante nel Parlamento europeo per fargli sapere di non essere «disposto ad appoggiare una riforma che contiene l’articolo 11 e l’articolo 13». Sempre per lo stesso motivo il 21 marzo erano state oscurate le pagine di Wikipedia in Germania, Repubblica Ceca, Slovacchia e Danimarca.

La riforma del copyright era stata approvata lo scorso settembre dal Parlamento Europeo, ma i negoziati con il Consiglio dell’UE si erano bloccati a causa dell’opposizione di diversi paesi, tra cui l’Italia. Alla fine Francia e Germania però avevano trovato un accordo per far passare il testo al Consiglio dell’Unione Europea, superando così le opposizioni. L’approvazione definitiva però non è ancora certa, visto che i parlamentari europei che si oppongono alla riforma proveranno a respingerla nell’ultima votazione prevista al Parlamento Europeo.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.