• Mondo
  • lunedì 25 marzo 2019

In Mali sono state uccise almeno 130 persone nell’attacco a un villaggio

Secondo le Nazioni Unite, sabato scorso alcuni uomini armati vestiti come cacciatori tradizionali hanno ucciso 134 persone, tra cui donne e bambini, durante un attacco a un villaggio del centro del Mali. Almeno altre 50 persone sono state ferite. Il villaggio era abitato da persone appartenenti all’etnia fulani, un’etnia nomade che vive prevalentemente di pastorizia e che negli ultimi anni ha subito diversi attacchi perché accusata di avere legami con i jihadisti. L’attacco è avvenuto a Ogossagou, nella regione di Mopti; un funzionario locale ha detto all’agenzia di stampa AFP che le persone sono state «uccise con pistole e machete» da un gruppo di cacciatori appartenenti alla comunità Dogon, che si è spesso scontrata con i fulani per l’accesso all’acqua e alle terre.

(Tabital Pulaaku via AP)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.