• Sport
  • sabato 16 marzo 2019

L’Italia è stata battuta 14-25 dalla Francia nell’ultimo turno del Sei Nazioni di rugby

La Nazionale maschile di rugby è stata battuta 14-25 dalla Francia allo Stadio Olimpico di Roma nell’ultimo turno del Sei Nazioni 2019. In una partita segnata dai molti errori commessi da entrambe le squadre, l’Italia non è riuscita a concludere il torneo con una vittoria dopo le quattro sconfitte subite nei turni precedenti. La Nazionale ha quindi terminato il torneo in ultima posizione — cosa che le assegna il tradizionale “cucchiaio di legno” — e ha inoltre subito il “cappotto” per aver sempre perso. L’ultima vittoria italiana nel Sei Nazioni rimane datata 28 febbraio 2015. Per la Francia invece è arrivata la seconda vittoria nel torneo: in attesa della partita della Scozia è salita in quarta posizione con dieci punti.

Nei minuti iniziali del primo tempo l’Italia si è portata in vantaggio con due calci di punizione di Tommaso Allan, ai quali la Francia ha risposto però al quarto d’ora di gioco con la meta di Dupont trasformata da Ntamack. Al ventesimo la Francia ha aumentato il suo vantaggio con un calcio di punizione, di nuovo con Ntamack. In svantaggio 6-10, l’Italia non è riuscita a segnare nuovamente nonostante il tempo passato in attacco, anche per alcuni errori di troppo. Nella ripresa Allan ha accorciato lo svantaggio con un’altra punizione, ma la Francia ha saputo rispondere immediatamente segnando la sua seconda meta, poi trasformata. Verso l’ora di gioco il mediano di mischia Tito Tebaldi ha segnato la prima meta italiana dell’incontro, riaprendo la partita. Negli ultimi venti minuti l’Italia ha provato a ribaltare il risultato e ci è andata molto vicina a cinque minuti dal termine con Marco Zanon, che però ha perso ingenuamente la palla vicino alla meta per l’interferenza di un avversario.

Il Sei Nazioni 2019 si deciderà oggi con le altre due partite dell’ultimo turno: Galles-Irlanda delle 15.45 e Inghilterra-Scozia delle 18. Tre di queste quattro squadre hanno la possibilità di vincerlo. Al Galles basta una vittoria per tornare a vincere il torneo dopo sei anni, realizzando inoltre il Grande Slam; l’Irlanda invece deve battere il Galles e sperare che l’Inghilterra non vinca contro la Scozia. L’Inghilterra, infine, può solo vincere e sperare che qualche ora prima il Galles non vinca.

(Paolo Bruno/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.