• Mondo
  • giovedì 14 marzo 2019

Nello stato di New York ad alcuni bambini non vaccinati è stato vietato di andare a scuola

Un giudice della provincia di Rockland, nello Stato di New York, Stati Uniti, ha respinto le richieste di alcune famiglie che volevano far riammettere i loro figli a scuola dopo che ne erano stati esclusi perché non vaccinati. Nel dicembre 2018, dopo un’epidemia  di morbillo, il dipartimento della Salute della provincia aveva ordinato che nelle scuole dove la percentuale di bambini vaccinati era inferiore al 95 per cento, gli studenti non vaccinati dovevano rimanere a casa.

I genitori di 42 bambini non vaccinati che frequentavano la Green Meadow Waldorf School avevano fatto causa al dipartimento della Salute sostenendo che l’esclusione non si dovesse applicare anche a quella scuola, dove non erano stati riscontrati casi di morbillo. Il 12 marzo però un giudice federale ha respinto la loro richiesta, sostenendo che riammettere i bambini non vaccinati a scuola vada contro l’interesse pubblico. Il procuratore della provincia, Thomas E. Humbach, ha commentato la decisione dicendo che «nonostante nessuno sia contento che questi bambini non possano andare a scuola, l’ordinanza ha funzionato: ha contribuito a evitare che l’epidemia di morbillo si diffondesse anche agli studenti di questa scuola».

(David Greedy/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.