• Mondo
  • giovedì 14 marzo 2019

Il Senato ha respinto lo stato di emergenza dichiarato da Trump per costruire il muro

12 Repubblicani hanno votato insieme ai Democratici: per il presidente è una sconfitta importante

Il Senato statunitense, a maggioranza Repubblicana, ha votato a favore di una risoluzione per bloccare lo stato di emergenza nazionale, dichiarato un mese fa dal presidente Donald Trump per ottenere i fondi necessari per costruire il muro al confine tra Stati Uniti e Messico. I voti sono stati 59 a favore e 41 contro: 12 Repubblicani si sono schierati con i Democratici – contrari allo stato di emergenza – e questo significa una sconfitta politica di Trump. Trump ha già detto che porrà il veto, il primo della sua presidenza, ed è improbabile che il Congresso abbia i voti (cioè una maggioranza di due terzi) per respingerlo.

Trump aveva invitato i Repubblicani a votare contro e a sostenerlo, avvisandoli che contrariamente sarebbero passati dalla parte di Nancy Pelosi, la leader dei Democratici al Congresso statunitense. Il fatto che sia la prima volta che il Congresso abbia votato contro una dichiarazione di emergenza di un presidente, fa capire ancora meglio l’entità della sconfitta di Trump. Dichiarando lo stato di emergenza, Trump voleva ottenere 3,6 miliardi di dollari (3,2 miliardi di euro) in più per costruire il muro rispetto a quelli che erano stati approvati dal Congresso.

Donald Trump (Win McNamee/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.