• Mondo
  • mercoledì 13 marzo 2019

Gli Stati Uniti hanno deciso di non sospendere l’uso degli aerei Boeing 737 Max 8

La US Federal Aviation Authority (FAA), l’agenzia federale statunitense che si occupa del traffico aereo, ha deciso di non sospendere l’uso dei Boeing 737 Max 8 – cioè lo stesso modello dell’aereo precipitato in Etiopia domenica – a differenza di quanto fatto dall’Agenzia europea per la sicurezza aerea (EASA) e molti altri enti analoghi per altri paesi. L’incidente del volo di Ethiopian Airlines è stato il secondo in cinque mesi che ha riguardato un 737 Max 8, ma secondo la FAA non ci sono sufficienti ragioni per smettere di usare gli aerei di questo modello.

Con la sua decisione, la FAA è andata contro le richieste di alcuni senatori – tra cui i Repubblicani Ted Cruz e Mitt Romney, e la Democratica Elizabeth Warren, una delle candidate alle primarie per le presidenziali – di non usarli per precauzione fino a quando non ne sarà certificata la sicurezza. Oltre che dai paesi dell’Unione Europea, l’uso dei 737 Max 8 è stato sospeso, tra gli altri, da Cina, Australia, Hong Kong, Vietnam e Nuova Zelanda, e oggi anche dal Canada.

Anche diverse compagnie aeree hanno deciso di interrompere temporaneamente i voli dei Boeing 737 Max: tra queste ci sono l’argentina Aerolineas Argentinas, la marocchina Royal Air Maroc, la messicana Aeromexico, la brasiliana Gol Airlines, la mongola MIAT Mongolian Airlines, l’indiana Jet Airways, la sudcoreana Eastar Jet, la norvegese Norwegian Air, l’islandese Icelandair e la turca Turkish Airlines. Tra le compagnie aeree americane che usano moltissimo i 737 Max 8 ci sono Southwest Airlines e American Airlines: la prima ora offre ai propri clienti che hanno un biglietto per un volo su un 737 Max 8 la possibilità di cambiare volo. Anche l’Association of Flight Attendants-CWA, un sindacato degli assistenti di volo americano, ha chiesto che l’uso dei 737 Max 8 sia sospeso, mentre l’Allied Pilots Association, un sindacato dei piloti, ha detto ai propri membri che possono rifiutarsi di pilotare questi aerei se non si sentono sicuri a farlo.

Intanto continuano le indagini sull’incidente di domenica. Un portavoce di Ethiopian Airlines ha annunciato che la scatola nera dell’aereo precipitato sarà mandata all’estero per essere analizzata ma che non è ancora stato scelto il paese dove avverrà.

Un Boeing 737 MAX 8 in costruzione nella fabbrica di Boeing a Renton, nello stato di Washington, l'11 marzo 2019 (AP Photo/Ted S. Warren)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.