• Mondo
  • giovedì 7 marzo 2019

L’ultraconservatore Ebrahim Raisi è stato nominato capo del sistema giudiziario in Iran

In Iran il politico ultraconservatore Ebrahim Raisi, conosciuto per avere condannato a morte migliaia di prigionieri politici negli anni Ottanta, ovvero durante il decennio successivo alla rivoluzione khomeinista, è stato nominato nuovo capo del sistema giudiziario del paese. Raisi assumerà l’incarico venerdì e prenderà il posto di un altro religioso molto conservatore, Sadegh Larijani.

Raisi è stato nominato direttamente dalla Guida Suprema, Ali Khamenei, la principale carica politica e religiosa dell’Iran, considerata anche la massima rappresentazione dell’ultraconservatorismo del regime iraniano. Secondo alcuni esperti, la nomina di Raisi permetterà di mantenere il sistema giudiziario sotto lo stretto controllo dell’ala più intransigente del regime, che da anni si contrappone all’ala moderata guidata dal primo ministro Hassan Rouhani, e di marginalizzare ancora di più i cosiddetti “riformisti“, che si potrebbero definire in maniera un po’ approssimativa lo schieramento “più a sinistra” della politica iraniana.

Ebrahim Raisi (AP Photo/Vahid Salemi)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.