• Italia
  • giovedì 28 febbraio 2019

Ieri la Corte d’Appello di Milano ha deciso che i criteri di assegnazione del “bonus bebè” in Lombardia sono troppo rigidi per gli stranieri

Ieri la Corte d’Appello di Milano ha deciso che i criteri di assegnazione del “bonus bebè” in Lombardia sono troppo rigidi nei confronti degli stranieri. Ancora oggi, le regole prevedono che per ottenere il bonus – che è di 800 euro per il secondo figlio e 1000 per il terzo – il requisito minimo è di cinque anni di residenza in Lombardia per entrambi i genitori. L’ASGI, una nota associazione che si occupa dei diritti dei migranti che aveva presentato l’appello, sosteneva che i parametri fossero i più severi fra quelli emessi da una regione italiana, e che fossero stati studiati per escludere buona parte degli stranieri residenti in Lombardia. La Corte ha sostanzialmente dato ragione all’ASGI, e ha ordinato alla Regione – guidata da diversi anni dalla Lega – di riaprire i bandi per poter ottenere il sussidio (potranno richiederlo anche i cittadini italiani che abitano in Lombardia da meno di cinque anni).

 

(ANSA/DANIEL DAL ZENNARO)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.