In Giappone c’è la peggiore epidemia di morbillo degli ultimi dieci anni

In Giappone c’è la peggiore epidemia di morbillo degli ultimi dieci anni, secondo l’Organizzazione mondiale della Sanità delle Nazioni Uniti (OMS). In tutto, dall’inizio del 2019, sono stati registrati 170 nuovi casi di morbillo, in 20 delle 47 province del Giappone. Metà dei 49 casi di morbillo nella provincia di Mie riguardano membri di un gruppo religioso, Kyusei Shinkyo, che ritiene pericolose le medicine. Tutti gli infetti appartenenti al gruppo religioso erano stati a un raduno lo scorso anno. Il ministero della Salute giapponese ha chiesto a tutta la popolazione che ancora non l’ha fatto di vaccinarsi immediatamente contro il morbillo e agli ospedali di seguire tutte le procedure per limitare il contagio.

Il morbillo, oltre a uno sfogo cutaneo, causa tosse, raffreddore e febbre alta, che di solito raggiunge picchi intorno ai 40 °C. Il morbillo può essere la causa di molte complicazioni, dalla polmonite all’encefalite (una pericolosa infezione che interessa il cervello e il resto del sistema nervoso centrale contenuto nella scatola cranica) passando per otiti di media entità. Nel 2012 secondo l’OMS ci sono state 122mila morti riconducibili al morbillo.

(Kyodo via Ap Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.