• Mondo
  • lunedì 25 febbraio 2019

Una donna che lavorava per la campagna elettorale di Donald Trump lo ha accusato di averla baciata contro la sua volontà nel 2016

Una donna che lavorava per la campagna elettorale di Donald Trump lo ha accusato di averla baciata contro la sua volontà, e lo ha denunciato. La donna, Alva Johnson, ha raccontato che Trump provò a baciarla il 24 agosto del 2016 durante un evento elettorale a Tampa, in Florida. Ha detto che Trump stava uscendo dal suo camper e che la prese per mano avvicinandosi poi per baciarla: lei girò il volto dall’altra parte e il bacio finì sulla sua guancia. La Casa Bianca ha negato le accuse. Johnson è la prima donna a raccontare di aver subito molestie da Donald Trump da quando è diventato presidente degli Stati Uniti.

(Chip Somodevilla/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.