• Mondo
  • lunedì 25 febbraio 2019

Un centro di Medici Senza Frontiere per il trattamento dei malati di ebola in Congo è stato incendiato e distrutto

Un centro di Medici Senza Frontiere per il trattamento dei malati di ebola in Congo è stato incendiato, costringendo i medici, i pazienti e il resto del personale ad abbandonarlo. Non ci sono informazioni precise su quello che è successo, ma Medici Senza Frontiere ha spiegato a Reuters che in certe parti del Congo i suoi medici sono trattati con sospetto a causa di false notizie legate al loro lavoro e a una generale preferenza per la medicina tradizionale. Il centro di Medici Senza Frontiere, che si trovava nella provincia di Katwa, è stato chiuso dopo l’incendio. Dall’inizio dell’ultima epidemia di ebola, la scorsa estate, in Congo sono morte 546 persone.

Operatori sanitari portano via una persona forse contagiata da ebola a Mangina, vicino a Beni, nella provincia del Kivu Nord, il 22 agosto 2018 (JOHN WESSELS/AFP/Getty Images)
TAG: ,

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.