• Mondo
  • mercoledì 20 febbraio 2019

L’Egitto ha impedito a un giornalista del New York Times l’ingresso nel paese, senza dare spiegazioni ufficiali

L’Egitto ha impedito al giornalista del New York Times David Kirkpatrick di entrare nel paese, senza dare alcuna spiegazione del motivo. Kirkpatrick – 48enne ex capo dell’ufficio del New York Times al Cairo – era arrivato in Egitto in aereo lunedì sera: poco dopo lo sbarco era stato fermato dalla polizia, gli era stato sequestrato il telefono e dopo sette ore di detenzione in aeroporto era stato costretto a salire su un altro aereo diretto a Londra. Le autorità egiziane non hanno dato spiegazioni su quanto successo, ma negli ultimi anni l’Egitto è diventato sempre più ostile verso i giornalisti, sia egiziani che stranieri. Nel 2015 si era parlato molto della condanna a tre anni di carcere a tre giornalisti di Al Jazeera per aver diffuso “false informazioni” (i giornalisti avevano poi ricevuto la grazia).

 

La necropoli di Giza vista alla periferia del Cairo (KHALED DESOUKI/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.