• Mondo
  • lunedì 18 febbraio 2019

La studentessa svedese che lo scorso luglio aveva impedito a un aereo di decollare per bloccare l’espulsione di un migrante è stata condannata al pagamento di una multa

Elin Ersson, la studentessa svedese che lo scorso luglio aveva impedito a un aereo di decollare per bloccare l’espulsione di un migrante, è stata condannata al pagamento di una multa di 250 euro per violazione delle leggi sull’aviazione. Il 24 luglio 2018, Ersson era salita a bordo di un aereo in partenza dalla Svezia sapendo che sarebbe stato usato per l’espulsione di un migrante afghano. Una volta a bordo dell’aereo, Ersson si è rifiutata di sedersi al suo posto e ha cominciato a trasmettere quello che succedeva con una diretta su Facebook. Fino a che fosse rimasta in piedi, aveva spiegato, l’aereo non avrebbe potuto partire. Il video della sua protesta era circolato molto online.