È morto Bruno Ganz

Aveva 77 anni ed era soprattutto conosciuto per la sua lunga carriera e l'interpretazione di Adolf Hitler nel film "La caduta"

(Tobias Hase/picture-alliance/dpa/AP Images)

Bruno Ganz, attore svizzero diventato molto conosciuto per i suoi film in lingua tedesca e per il film La Caduta in cui interpretò Adolf Hitler, è morto oggi: aveva 77 anni. In oltre 50 anni di carriera, Ganz ha lavorato per il cinema e la televisione, collaborando con registi come Wim Wenders, che lo diresse in L’amico americano (1977), Il cielo sopra Berlino (1987) e Così lontano così vicino (1993).

Figlio di madre italiana e di un operaio svizzero, Ganz debuttò al cinema nei primi anni Sessanta, facendosi notare anche in diverse rappresentazioni teatrali. Il suo nome iniziò a circolare molto alla fine degli anni Settanta quando avviò le prime collaborazioni con il regista tedesco Wim Wenders, sfociate poi nel successo internazionale del film Il cielo sopra Berlino.

Nel 2000, Ganz vinse il David di Donatello, uno dei premi più importanti per il cinema italiano, grazie alla sua partecipazione nel film Pane e tulipani.

Ganz ebbe ulteriore notorietà a livello internazionale nel 2004 quando interpretò il ruolo di Hitler nel film La caduta (2004) sugli ultimi giorni del dittatore nazista nel suo bunker a Berlino. Per la sua interpretazione fu nominato agli Oscar come migliore attore.

Nella sua carriera, Bruno Ganz ha recitato in circa 50 film, senza trascurare la sua altra grande passione per il teatro, soprattutto per le opere di Bertolt Brecht e per le rappresentazioni del “Faust”.