• TV
  • sabato 9 febbraio 2019

Chi è Livio Cori, e dove lo avete già visto

Ha recitato in “Gomorra”, e molti sostengono che sia lui la voce di Liberato, il misterioso progetto napoletano di musica R&B

(ANSA/ETTORE FERRARI)

Livio Cori è uno dei cantanti in gara alla 69esima edizione del Festival di Sanremo, in un duetto insieme a Nino D’Angelo: la loro canzone si chiama “Un’altra luce”: stasera, per la finale, sarà la quarta volta che la canteranno.

Livio Cori ha 28 anni ed è originario di Napoli, dei Quartieri Spagnoli, e fa musica da più di dieci anni. Se per caso la sua faccia vi è familiare, potreste averlo visto nella terza stagione della serie tv Gomorra, nel ruolo di “O Selfie”, un membro della gang dei Talebani. Nella colonna sonora di Gomorra c’è poi una canzone di Cori, “Surdat”.

Ma Cori è conosciuto anche per un altro motivo: il suo nome infatti è uno di quelli che vengono citati da chi prova a indovinare l’identità di Liberato, ossia della persona che canta le canzoni dell’omonimo progetto napoletano di musica R&B che ha raccolto molti apprezzamenti e ha suscitato molti dibattiti nella scena musicale italiana, negli ultimi due anni. In un’intervista a Repubblica, Cori aveva detto: «Non sono io Liberato, lo ripeto, ma se lo fossi non ve lo direi».
Nel 2018 è uscito il primo EP di Cori, Montecalvario.

Il testo di “Un’altra luce” di Livio Cori e Nino D’Angelo

Je te veco accussì
Luce nel tuo sorriso
Anche quando c’è il vento contro
Quando il buio si fa profondo
Je te veco accussì
E sembra che il paradiso
Si nasconda anche in questo mondo
Dove un giorno dura un secondo
Curre ‘ngopp a nu filo senza mai cade’
Si ‘a rint tien a guerra nun o faje vedè
Pare ca l’abitudine nun fa pe te
Quando dici sti cose tu assumiglie a me

Tu assumigli a me
Tu assomigli a me
Tu assomigli a me
Mai nessuno ha mai capito come
Scaldarmi quanto il sole
Ma tu sicuro sai illuminarmi dove
L’ombra raffredda il cuore
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè (famme vedè)
Famme vedè (famme vedé) addo arriva sta luce famme vedè
Famme vedè

Te posso da ogni luce ca nun tieni
Na luna ngopp o mare ca t’accumpagna a sera
Te posso da cient’ uocchie che t’appicciano ‘a vita
Quanno nun ce crire
Quanno nun ce crire
Je te veco accussì
Quella faccia pulita
Si è sporcata coi graffi del tempo che fugge
Che colpisce ma non ci distrugge
Je te veco accussì
Mentre passa una vita
E io non me ne accorgo perché mi ha distratto
Quell’idea di non essere adatto
‘E vote na parola ca nun vuo sentì
È a chiave e na raggione ca nun saie capì
E vote na parola te po fa vedè
O bello ca nun vide ma sta attuorno a te

Attorno a te
Attorno a te
Mai nisciuno (mai nessuno) te po arrubà nu suonno
Si tu nun ‘o raccunte
Stai sicuro (stai sicuro)
Ca si rispiette l’onne o’ mare nun t’affonna
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè (famme vedè)
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè (famme vedè)
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè
Te posso da ogni luce ca nun tieni (ca nun tieni)
Na luna ngopp o mare ca t’accumpagna a sera
Pe te fa ascì a stu scur ca te ten prigiuniero
Te posso da cient’ uocchie che t’appicciano ‘a vita
Ma sarà sempe scuro si nun ce crire si nun ce crire
Si nun ce crire