L’Antitrust tedesco vuole limitare la raccolta dei dati da parte di Facebook

Al termine di un’indagine durata tre anni il Bundeskartellamt, cioè l’Antitrust tedesco, ha deciso che Facebook dovrà cambiare il modo in cui raccoglie i dati degli utenti in Germania. Facebook non potrà più combinare i dati raccolti da altre fonti e app terze, come WhatsApp e Instagram, con quelli dei profili degli utenti su Facebook, senza il consenso esplicito degli utenti. La decisione non è immediatamente operativa e Facebook ha un mese per fare appello, cosa che ha già annunciato di voler fare. Il presidente del Bundeskartellamt, Andreas Mundt, ha detto che «a Facebook non sarà più permesso forzare i propri utenti ad accettare una raccolta praticamente illimitata di dati, e combinare i dati presi da altre fonti con quelli dei loro account».

(LOIC VENANCE/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.