• Mondo
  • martedì 5 febbraio 2019

I procuratori di New York che indagano su Trump si stanno concentrando sulla sua cerimonia inaugurale da presidente, scrive il New York Times

I procuratori federali di New York che indagano su Trump si stanno concentrando sulla sua cerimonia inaugurale da presidente, scrive il New York Times. Ieri è stato ordinato il sequestro di moltissimo materiale relativo alla cerimonia, fra cui anche «tutti i finanziatori e ospiti del comitato che si occupa dell’inaugurazione, e i biglietti e le foto ricordo col presidente dati in regalo». Il capo del comitato era Thomas J. Barrack, un amico personale di Trump il cui nome è legato ad alcuni personaggi dell’inchiesta del procuratore speciale Robert Mueller.

L’indagine di New York è separata da quella di Mueller, che sta indagando sui presunti contatti fra il governo russo e il comitato elettorale di Trump, e si basa soprattutto sulla testimonianza di Michael Cohen, l’ex avvocato e tuttofare di Trump che qualche mese fa ha accettato di collaborare con la giustizia.

 

(Chip Somodevilla/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.