Lo spot di Pepsi con Steve Carell e Cardi B (Pepsi)
  • TV
  • lunedì 4 febbraio 2019

I migliori spot trasmessi durante il Super Bowl

Quello atteso del Washington Post, Harrison Ford e Forest Whitaker per Amazon, Serena Williams per Bumble e tanto altro

Lo spot di Pepsi con Steve Carell e Cardi B (Pepsi)

Diciannove fra i primi venti eventi televisivi più visti nella storia della televisione statunitense sono dei Super Bowl. Il più visto finora è stato quello di quattro anni fa tra New England Patriots e Seattle Seahawks, a cui assistettero circa 115 milioni di telespettatori, senza contare quelli collegati dall’estero, il cui numero cresce ogni anno. Di conseguenza gli spazi pubblicitari offerti nel corso della finale del football americano sono di gran lunga i più ambiti e costosi della televisione americana. Per l’ultima finale, giocata questa notte ad Atlanta e vinta dai New England Patriots, uno spazio di trenta secondi costava circa 5,3 milioni di dollari e questo fa sì che gli spot che vengono mandati in onda siano tutti realizzati apposta e siano mediamente molto belli e notevoli.

I migliori spot trasmessi durante la 53ª edizione del Super Bowl:

Washington Post

Game of Thrones X Bud Light

Olay
Sarah Michelle Gellar

Bumble
Serena Williams

M&M’s
Christina Applegate

Pepsi
Steve Carell, Cardi B

Turkish Airlines
Ridley Scott

Hyundai
Jason Bateman

Michelob Ultra
Zoë Kravitz

Burger King
Andy Warhol Foundation

Doritos
Chanche the Rapper & Backstreet Boys

SimpliSafe

Planters
Alexander Rodriguez, Charlie Sheen

Pringles

Expensify
2 Chainz, Adam Scott

Bubly
Michael Bublé

Colgate Total
Luke Wilson

Amazon
Forest Whitaker, Harrison Ford

Microsoft

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.