Il crollo della diga brasiliana di Brumadinho, il 25 gennaio 2019 (Bandeirantes/YouTube)
  • Mondo
  • sabato 2 febbraio 2019

Il nuovo video del crollo della diga in Brasile

Mostra il momento in cui una enorme colata di fango sommerge la mensa per i dipendenti della miniera adiacente

Il crollo della diga brasiliana di Brumadinho, il 25 gennaio 2019 (Bandeirantes/YouTube)

La televisione brasiliana Bandeirantes ha diffuso un video del crollo della diga di Brumadinho, nello stato meridionale di Minas Gerais, il 25 gennaio. Il video mostra il momento in cui una enorme colata di fango sommerge la mensa per i dipendenti di Vale, l’azienda di estrazione mineraria proprietaria della diga. A causa del crollo della diga almeno 110 persone sono morte; 238 sono ancora considerate disperse. Il 29 gennaio cinque persone erano state arrestate in relazione al crollo della diga: tre sono dipendenti di Vale che si occupavano delle licenze riguardo l’impatto ambientale delle miniere, le altre due sono ingegneri che avevano attestato la stabilità della diga di Brumadinho.

Vale è la maggior produttrice di minerali di ferro e nickel al mondo e non è la prima volta che una sua diga crolla: era già successo nel 2015, a Mariana, sempre nel Minas Gerais, con una diga gestita da una joint venture tra Vale e l’australiana BHP Billiton. Morirono 19 persone e 60 milioni di metri cubi di detriti delle attività minerarie finirono nel fiume Doce, attraverso cui poi raggiunsero l’oceano Atlantico, causando un enorme disastro ambientale. Non si sa ancora cosa abbia causato il crollo del 25 gennaio, ma è possibile che sia successa la stessa cosa accaduta a Mariana: il processo noto come liquefazione, in cui il terreno perde solidità non supportando più tutto ciò che gli sta sopra.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.