• Mondo
  • martedì 29 gennaio 2019

Cinque persone sono state arrestate per il crollo della diga in Brasile

Cinque persone sono state arrestate in Brasile per il crollo della diga di Brumadinho avvenuto il 25 gennaio, in cui almeno 65 persone sono morte, circa 300 sono disperse e 24mila hanno dovuto evacuare le loro case. Fonti giudiziarie riferiscono che sono stati arrestati tre impiegati di Vale, l’azienda di estrazione mineraria proprietaria della diga, e due ingegneri che avevano attestato la stabilità della struttura. In seguito al crollo, Vale aveva dichiarato di aver avuto conferma sia a giugno che a settembre dell’idoneità della diga da parte della società di certificazione TÜV SÜD (società tedesca con sede anche in Brasile, a San Paolo). TÜV SÜD ha confermato di aver effettuato i due controlli, ma non ha voluto fornire ulteriori commenti per ora.

(Pedro Vilela/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di più, e migliori.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la newsletter, una quota minore di inserzioni pubblicitarie, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.