• Mondo
  • lunedì 28 gennaio 2019

L’avvocato e attivista per i diritti umani Wang Quanzhang è stato condannato a 4 anni e mezzo di carcere in Cina

Il 42enne avvocato e attivista per i diritti umani cinese Wang Quanzhang è stato condannato a 4 anni e mezzo di carcere per “sovversione”, a causa del suo lavoro come difensore di oppositori del governo o vittime di abusi da parte dello stato cinese. Wang Quanzhang era stato arrestato nel 2015 e da allora di lui non si era saputo più niente: gli era stato vietato vedere la sua famiglia o scegliere un avvocato e nessuno era davvero sicuro che fosse ancora vivo. Il processo a suo carico si è infine tenuto nei giorni di Natale, a porte chiuse: è durato meno di una giornata e si è concluso con la condanna di Wang Quanzhang.

Il volto di Wang Quanzhang stampato su una felpa indossata da sua moglie per chiederne la liberazione (AP Photo/Andy Wong)