• Mondo
  • sabato 26 Gennaio 2019

Vodafone ha deciso di interrompere l’acquisto di componenti Huawei per lo sviluppo della rete 5G

La società di telecomunicazioni Vodafone ha deciso di interrompere l’acquisto di componenti della società cinese Huawei per lo sviluppo della rete 5G, in attesa che i governi europei valutino se vietare del tutto l’uso delle apparecchiature Huawei.  Vodafone ha fatto sapere che l’interruzione riguarderà solo le strumentazioni per la rete 5G, mentre continuerà a collaborare con la società cinese per altre tecnologie.

Negli ultimi mesi Huawei, che è tra le principali aziende che realizzano infrastrutture e componenti per il 5G, una tecnologia che in futuro offrirà una velocità di connessione mobile maggiore e migliore copertura, è stata al centro di diverse polemiche. Il 23 novembre scorso il governo degli Stati Uniti aveva chiesto agli operatori telefonici di non usare componenti di Huawei, temendo possibili futuri attacchi informatici e operazioni di spionaggio da parte della Cina. E in seguito anche in Europa governi e società di telecomunicazioni avevano iniziato a rivedere i loro impegni con il produttore cinese.

La situazione si è poi complicata dopo l’arresto di Meng Wanzhou, direttrice finanziaria di Huawei e figlia del fondatore dell’azienda, avvenuto a Vancouver, in Canada. Meng era stata arrestata con l’accusa di avere violato le sanzioni statunitensi imposte all’Iran, ma era poi stata rilasciata su cauzione il 12 dicembre, su decisione di un giudice canadese.

(BEN STANSALL/AFP/Getty Images)