Gli Stati Uniti hanno chiesto agli operatori telefonici di alcuni paesi alleati di non usare componenti dell’azienda cinese Huawei, dice il WSJ

Il Wall Street Journal, tra i più importanti e affidabili giornali al mondo, dice che il governo statunitense ha chiesto agli operatori telefonici di alcuni paesi alleati – tra cui Italia, Germania e Giappone – di non usare più componenti prodotti dalla società cinese Huawei. Le autorità statunitensi sarebbero preoccupate dei futuri rischi riguardo a possibili attacchi informatici e operazioni di spionaggio compiute dalla Cina attraverso i componenti Huawei, che è la seconda società al mondo nella produzione di smartphone dietro a Samsung.

La richiesta degli Stati Uniti si riferisce alla componentistica per le telecomunicazioni prodotta da Huawei, campo nel quale è leader mondiale per via dei prezzi bassi e della buona qualità. Le preoccupazioni statunitensi sono rivolte principalmente ai paesi in cui ci sono basi militari americane: le comunicazioni militari più riservate vengono trasmesse con satelliti autonomi, ma molte informazioni passano attraverso le reti commerciali dei vari paesi, dove i componenti Huawei sono utilizzati per esempio nei ripetitori. Secondo il Wall Street Journal, però, la strategia degli Stati Uniti si inserisce anche all’interno della più ampia guerra commerciale in corso tra l’amministrazione Trump e il governo cinese.

(STR/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.