• Italia
  • venerdì 25 gennaio 2019

Il governo ha autorizzato l’entrata in acque territoriali italiane della nave Sea Watch 3 con a bordo 47 migranti, a causa delle cattive condizioni meteo

Il governo ha autorizzato l’entrata nelle acque territoriali italiane della nave Sea Watch 3 con a bordo 47 migranti soccorsi di fronte alla Libia sette giorni fa. L’ingresso, ha fatto sapere la Guardia costiera italiana, è stato consentito a causa delle cattive condizioni del tempo che avevano messo in pericolo la sicurezza dei migranti a bordo della nave. Sea Watch ha scritto su Twitter che le autorità italiane le hanno assegnato un posto di fonda a 1,4 miglia dal porto di Augusta, in Sicilia, ma non l’hanno autorizzata ad attraccare in un porto italiano, come prevedono le norme del diritto internazionale (secondo il concetto di primo “porto sicuro”).

Il ministro dei Trasporti, Danilo Toninelli (M5S), ha detto che visto che Sea Watch 3 batte bandiera olandese, la nave dovrebbe attraccare e sbarcare i migranti nei Paesi Bassi. Toninelli ha anche accusato Sea Watch 3 di avere soccorso i migranti di fronte alle coste libiche senza aspettare l’arrivo della Guardia costiera libica, e senza essere coordinata dalle autorità italiane.

(FEDERICO SCOPPA/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.