Carlos Ghosn si è dimesso da amministratore delegato della casa automobilistica Renault

Il manager francese Carlos Ghosn si è dimesso da amministratore delegato della casa automobilistica Renault: da due mesi Ghosn è in prigione in Giappone con l’accusa di avere trattenuto per sé alcuni fondi aziendali quando era a capo dell’azienda automobilistica Nissan, di cui è stato CEO fino all’aprile del 2017 e presidente fino al novembre del 2018. Ad annunciare le dimissioni di Ghosn è stato il ministro dell’Economia francese Bruno Le Maire: il governo francese possiede infatti il 15 per cento delle azioni di Renault. Le dimissioni di Ghosn erano piuttosto attese, soprattutto dopo che un tribunale di Tokyo aveva respinto una nuova richiesta di liberazione su cauzione.

Ghosn è accusato insieme a un altro importante dirigente di Nissan, Greg Kelly, di aver deliberatamente sottostimato i loro compensi nei report alle autorità di borsa, e di aver utilizzato beni aziendali a fini personali. Entrambi negano queste accuse.

(Yomiuri Shimbun via AP Images )

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.