• Mondo
  • giovedì 24 gennaio 2019

L’ex primo ministro scozzese Alex Salmond è stato arrestato

L’ex primo ministro scozzese Alex Salmond è stato arrestato dalla polizia scozzese,  accusato da diverse donne di abusi e molestie sessuali e, in due casi, di tentato stupro. Salmond si è consegnato spontaneamente alla polizia mercoledì notte, e nel pomeriggio di giovedì 24 gennaio è stato portato in tribunale per la formalizzazione delle accuse e la convalida dell’arresto. Prima di entrare in tribunale si è dichiarato innocente, respingendo tutte le accuse che gli sono state rivolte.

 

I fatti risalirebbero al 2013, quando Salmond era primo ministro, e nei mesi scorsi un’indagine a riguardo era stata condotta dal governo scozzese, che nell’agosto del 2018 aveva inviato alla polizia il suo rapporto finale. Salmond aveva fatto causa al governo per il modo in cui aveva gestito l’inchiesta, e lo scorso 8 gennaio un tribunale gli ha dato ragione, giudicando l’operato del governo “proceduralmente ingiusto e macchiato di pregiudizi evidenti”. Salmond ha 64 anni, è stato leader dello Scottish National Party dal 2004 al 2014 e primo ministro della Scozia dal 2007 al 2014, quando si dimise dopo aver perso il referendum sull’indipendenza della Scozia dal Regno Unito.

L'ex primo ministro scozzese Alex Salmond (Matt Cardy/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.