• Moda
  • lunedì 21 gennaio 2019

La sfilata di Dior, in un circo coi Pierrot

Con modelle vestite da Arlecchini e acrobati, insieme a reali acrobazie

La sfilata di Dior, Parigi, 21 gennaio (FRANCOIS GUILLOT/AFP/Getty Images)

Dior ha presentato a Parigi la sua collezione haute couture, cioè di alta moda, per la primavera/estate 2019, disegnata da Maria Grazia Chiuri, la prima donna a ricoprire il ruolo di direttrice creativa nell’azienda. La sfilata si è svolta in coincidenza con il 114esimo anniversario della nascita del fondatore Christian Dior, avvenuta il 21 gennaio del 1905.

È stata ospitata in un capannone allestito nei giardini del Musée Rodin e ispirata al mondo del circo, con modelle trasformate in acrobati, Arlecchini e Pierrot punk, accompagnate dall’esibizione dei veri acrobati della compagnia composta di sole donne Mimbre.

La haute couture è considerata l’origine della moda, con abiti sartoriali, stampe ricercate, tessuti pregiati, tulle, intarsi, ricami, che richiedono centinaia di ore di realizzazione.

Per essere considerata di haute couture, un’azienda deve rispettare i parametri stabiliti del ministero francese dell’Industria e dalla Federazione francese della moda: deve avere un laboratorio a Parigi con non meno di venti dipendenti a tempo pieno; presentare due collezioni l’anno, sempre a Parigi, per un totale di 50 vestiti; e confezionare abiti su misura che le clienti possano provare personalmente.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.