• Scienza
  • mercoledì 16 gennaio 2019

Lo scioglimento dei ghiacci in Antartide è sei volte più veloce rispetto a 40 anni fa

Analizzando le immagini satellitari degli ultimi 40 anni, un gruppo di ricercatori ha scoperto un’accelerazione nello scioglimento della calotta glaciale antartica orientale, finora ritenuta meno esposta ai rischi del cambiamento climatico rispetto a quella occidentale. Se confermato, lo studio potrebbe portare a una revisione delle previsioni sull’innalzamento dei mari dovuto allo scioglimento dei ghiacci. La calotta glaciale antartica orientale contiene infatti dieci volte la quantità di ghiaccio della sua controparte occidentale, nota per essere in una fase di rapido scioglimento. La nuova ricerca è stata condotta negli Stati Uniti e i suoi risultati sono stati pubblicati sulla rivista scientifica PNAS. Nel complesso, nei 40 anni presi in considerazione, lo scioglimento dei ghiacci antartici ha comportato un innalzamento di 13,8 millimetri del livello dei mari. Si pensava che l’aumento fosse dovuto unicamente ai ghiacci sciolti nella parte occidentale, ma il nuovo studio indica che quelli orientali avrebbero contribuito per il 30 per cento. Nel complesso, la perdita di ghiaccio è sei volte più veloce rispetto al 1979.

I margini di un ghiacciaio nella Penisola antartica (Mario Tama/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.