• Mondo
  • lunedì 14 gennaio 2019

Il governo ceceno ha arrestato e torturato decine di persone della comunità LGBT

Secondo Rete russa LGBT, una ong che si occupa dei diritti delle persone lesbiche, gay, bisessuali e transgender, dalla fine di dicembre il governo ceceno avrebbe arrestato decine di persone appartenenti alla comunità LGBT e le avrebbe detenute nella prigione della città di Argun, a est di Grozny: due delle persone arrestate sarebbero morte a seguito delle torture subite dalle forze di sicurezza cecene. Finora non si hanno molte informazioni su quanto successo: la ricostruzione di Rete russa LGBT è stata però parzialmente confermata dal quotidiano russo Novaya Gazeta, uno dei pochi rimasti indipendenti nel paese.

Già in passato il governo ceceno si era reso responsabile di violenze simili. Nel 2017 centinaia di uomini gay erano stati arrestati dalla polizia, portati in prigioni segrete e torturati ripetutamente.

Il leader ceceno Ramzan Kadyrov (KIRILL KUDRYAVTSEV/AFP/Getty Images)
TAG:

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.