• Mondo
  • venerdì 11 gennaio 2019

Un cittadino cinese dipendente di Huawei è stato arrestato in Polonia

Un cittadino cinese dipendente di Huawei è stato arrestato in Polonia con l’accusa di condurre attività di spionaggio contro il governo della Polonia; insieme a lui è stato arrestato anche un cittadino polacco dipendente di una compagnia telefonica ed ex impiegato dei servizi di sicurezza del paese. I due, secondo la stampa locale, saranno trattenuti agli arresti per almeno tre mesi, anche se non sono state diffuse prove delle accuse mosse contro di loro. Un’emittente televisiva polacca ha detto che la polizia ha perquisito gli uffici locali di Huawei, a Varsavia, e anche quelli della compagnia telefonica dove lavora il cittadino polacco arrestato, la “Orange Polska”. Huawei è al centro di un caso internazionale che coinvolge il Canada, gli Stati Uniti e la Cina, iniziato con l’arresto di Meng Wanzhou, direttrice finanziaria di Huawei e figlia del capo e fondatore dell’azienda. In merito agli arresti in Polonia, Huawei ha smentito di avere legami con la vicenda.

(STR/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.