Il decreto per salvare Carige è identico al decreto sulle banche del governo Gentiloni

Identico parola per parola, come se fosse stato ricopiato: lo mostra il Sole 24 Ore, che ha confrontato i testi

Martedì 8 gennaio il presidente della Repubblica ha firmato un decreto legge approvato dal governo per evitare il fallimento di Carige, una banca genovese da tempo in grave crisi. Diversi esponenti del governo – tra cui il vicepresidente del Consiglio Luigi Di Maio e il ministro dei Trasporti Danilo Toninelli – hanno sostenuto che il decreto legge per Carige sia molto diverso dal “decreto salvabanche” del governo Gentiloni, che il Movimento 5 Stelle aveva duramente criticato. Confrontando i due testi, scrive però il Sole 24 Ore, questa diversità non si nota, anzi: il decreto su Carige sembra essere stato copiato parola per parola dal decreto del 2016. I testi messi a confronto sono quello del decreto del 2016.

Il testo del decreto Carige è appena stato firmato dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Per valutarne i contenuti c’è una via semplice. Basta leggere il testo del Dl 237/2016, quello approvato dall’allora neonato governo Gentiloni per i salvataggi di Mps, Pop Vicenza e Veneto Banca. La bozza del nuovo decreto è identica in ogni dettaglio, dalle regole sulle garanzie dello Stato fino ai meccanismi, con burden sharing, per la nazionalizzazione.

Se si mette da parte per un attimo l’incendiaria polemica politica di queste ore, del resto, tanta fedeltà testuale al decreto del Natale 2016 non stupisce. Sono identiche le norme europee da rispettare per il salvataggio statale, e quindi non cambiano le regole italiane chiamate ad attuarlo [..]

La strada europea è quella tracciata poco più di due anni fa per aprire un varco all’intervento pubblico sulle banche dentro alle griglie della direttiva 2014/59/UE sulle risoluzioni bancarie. E per rimanere in quel sentiero, il governo Conte ha deciso per una fedeltà assoluta al decreto 2016. All’articolo 1, sulla «Garanzia dello Stato su passività di nuova emissione», l’unica differenza rispetto al decreto Gentiloni è ovviamente nell’indicazione di «Banca Carige» come beneficiaria, invece delle «banche italiane» citate dal Dl 237/2016. Anastatica è anche la ristampa dell’articolo 2, sulle «caratteristiche degli strumenti finanziari» che possono essere garantiti dall’ombrello pubblico: si tratta di sei parametri, dall’emissione successiva all’entrata in vigore del Dl fino al divieto di «titoli strutturati o prodotti complessi» che «incorporano una componente derivata», indicati in lettere dalla a) alla f) nello stesso ordine di due anni fa. Lo stesso accade ai «limiti» dell’articolo 3, alle «condizioni» dell’articolo 4 e così via, giù giù fino alla seconda parte del provvedimento. Quella dedicata alla «ricapitalizzazione precauzionale».

(Leggi tutto l’articolo sul sito del Sole 24 Ore)

Mostra commenti ( )