• Mondo
  • venerdì 4 gennaio 2019

L’Egitto ha chiesto alla tv statunitense CBS di non trasmettere un’intervista al presidente egiziano Abdel Fattah al Sisi

La rete televisiva statunitense CBS ha detto che il governo dell’Egitto le ha chiesto di non trasmettere un’intervista che il giornalista Scott Pelley aveva fatto al presidente egiziano Abdel Fattah al Sisi per la famosa trasmissione giornalistica 60 Minutes. Il canale ha detto di avere ricevuto la richiesta dall’ambasciatore egiziano negli Stati Uniti poco dopo la fine dell’intervista, che sarà trasmessa integralmente domenica 6 gennaio.

Non è chiaro il motivo della richiesta egiziana. CBS ha anticipato alcune delle risposte di al Sisi, che da anni governa l’Egitto in maniera autoritaria: al Sisi ha confermato che l’esercito egiziano sta collaborando con Israele contro i terroristi che operano nel nord del deserto del Sinai; ha inoltre negato che in Egitto ci siano prigionieri politici (cosa ripetutamente smentita da ong e inchieste indipendenti) e ha difeso il massacro che ordinò nel 2013, quando era ministro della Difesa, contro i sostenitori dei Fratelli Musulmani e dell’ex presidente egiziano Mohammed Morsi, destituito con un colpo di stato.

Il presidente egiziano Abdel Fattah al Sisi (CBS)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.