L’uccello più raro del mondo è stato rimesso in libertà

Qualche decennio fa si pensava che le morette del Madagascar fossero estinte: ora una ventina di esemplari cresciuti in cattività sta ripopolando un lago locale

WWT

Fino al 2006 si pensava che al mondo non esistessero più morette del Madagascar, una specie di anatra tuffatrice di cui nessuno aveva visto un esemplare per più di un decennio. Poi, nel 2006, furono trovati circa 25 esemplari – compresi alcuni maschi – nel nord del Madagascar: motivo per il quale si iniziò a parlare di questi animali come degli “uccelli più rari del mondo”. Alcuni furono quindi portati in cattività, per favorirne la riproduzione. In questi giorni 21 esemplari di morette del Madagascar cresciuti in cattività sono stati rimessi in libertà in un lago nel nord del paese.

Le morette del Madagascar sono state cresciute e rimesse in libertà dal Wildfowl and Wetlands Trust (WWT), un ente britannico che si occupa di uccelli. Gli esemplari sono stati rilasciati nel lago Sofia, che si creda possa favorirne la crescita, anche perché – come ha spiegato Rob Shaw del WWT – gli esemplari trovati nel 2006 stavano «provando a sopravvivere in un luogo che non era fatto per loro». Il nuovo lago è stato scelto perché a differenza di molti altri nel Madagascar è poco inquinato, non ci sono troppi predatori e non ci sono rilevanti attività umane che possano ostacolare la vita dei nuovi esemplari (cioè alcuni dei diversi fattori che causarono la quasi-estinzione delle morette, qualche decennio fa).

Le morette sono state inizialmente lasciate per alcuni giorni in un aviario galleggiante in mezzo al lago, per abituarsi al nuovo ambiente. Poi sono state lasciate libere di uscire, interagire con l’ambiente e le altre specie e, nel caso, di fare ritorno all’aviario per cercare riparo o cibo. Per ora tutto sta andando per il meglio, ma bisognerà capire se le morette sceglieranno di restare dove sono e se riusciranno a nutrirsi da sole.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.