• Sport
  • venerdì 28 dicembre 2018

Il Tribunale del riesame ha ordinato il dissequestro dei beni del presidente della Sampdoria, Massimo Ferrero

Il Tribunale del riesame di Roma ha ordinato ieri il dissequestro dei beni sequestrati lo scorso novembre al presidente della Sampdoria Massimo Ferrero e ad altre cinque persone, compresi alcuni suoi familiari, nell’ambito di un’inchiesta del Nucleo Speciale di Polizia Valutaria della Guardia di Finanza. I beni sequestrati erano pari a 2,6 milioni di euro ma non si conoscono ancora le motivazioni per cui il tribunale ha accolto il ricorso di Ferrero, e quindi nemmeno se si tratti di un dissequestro totale o parziale. I reati ipotizzati nell’inchiesta erano appropriazione indebita, truffa, emissione e utilizzo di fatture false, riciclaggio e impiego di beni di provenienza illecita e coinvolgevano anche i conti della Sampdoria, che con il dissequestro è tornata in possesso di circa 200.000 euro. Nelle ultime settimane la vicenda aveva fatto nascere proteste e contestazioni contro Ferrero da parte dei tifosi della Sampdoria.

(Vincenzo Livieri/LaPresse)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.