• Mondo
  • lunedì 17 dicembre 2018

Due congregazioni ortodosse ucraine si sono unite per formare la Chiesa ortodossa ucraina, staccandosi da quella russa

Due delle tre congregazioni ortodosse ucraine si sono unite per formare la Chiesa ortodossa ucraina, staccandosi dalla potente Chiesa ortodossa russa ed eleggendo un nuovo capo. Si chiama Iepifani di Kiev, ha 39 anni e proviene dalla regione di Odessa. La spaccatura era un evento annunciato e ha ragioni più politiche che religiose, legate ai pessimi rapporti che hanno Russia e Ucraina dall’inizio della guerra combattuta in Ucraina orientale dai separatisti filo-russi e dall’esercito ucraino (la versione lunga della storia è raccontata qui).

La creazione di una Chiesa ortodossa ucraina indipendente da quella russa – che da tempo aveva garantito una certa indipendenza ai suoi distaccamenti in Ucraina, ma che quasi certamente non riconoscerà lo scisma – è una vittoria per il presidente ucraino Petro Poroshenko, da sempre collocato su posizioni filo-NATO e filo-europeiste.

Il nuovo patriarca della Chiesa ortodossa ucraina (AP Photo/Efrem Lukatsky)
TAG:

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.