• Mondo
  • giovedì 13 dicembre 2018

Papa Francesco ha rimosso dai suoi consiglieri stretti due cardinali coinvolti in casi di molestie sessuali

Il Vaticano ha annunciato che a ottobre Papa Francesco aveva rimosso dal suo circolo di nove consiglieri stretti, conosciuto come C-9, due membri accusati di essere stati coinvolti in passato nei casi di molestie di bambini. Si tratta del cileno Francisco Errázuriz Ossa, 85 anni, accusato di aver nascosto casi di abusi sessuali su minori quando era arcivescovo di Santiago dal 1998 al 2010; e il cardinale George Pell, uno dei più importanti prelati della Chiesa australiana.

Pell ha 77 anni ed è il consigliere economico del Papa per gli affari economici del Vaticano, ora in congedo: è cioè responsabile della Segreteria per l’economia, una sorta di “ministero dell’economia” voluto da papa Francesco per coordinare meglio le politiche economiche del Vaticano. Dopo essere stato accusato di reati sessuali dalla polizia dello stato australiano di Victoria, nel giugno del 2017, Pell si era preso un periodo di aspettativa. L’allontanamento dal consiglio non comporta automaticamente la perdita del ruolo di tesoriere, che ufficialmente detiene ancora. A maggio una giudice di Melbourne aveva deciso che Pell sarebbe stato processato per reati sessuali: è accusato di non essere intervenuto contro i preti accusati di pedofilia nelle arcidiocesi di Melbourne e Sydney e di avere abusato di alcuni minori da quando era un semplice prete negli anni Settanta.

Il Papa aveva allontanato un terzo consigliere, che però non ha alcuna relazione coi casi di abusi: si tratta del cardinale congolese Laurent Monsengwo Pasinya, che di recente si è dimesso dalla carica di arcivescovo di Kinshasa, Repubblica Democratica del Congo.

Il cardinale George Pell (ALBERTO PIZZOLI/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.