L’Unione Europea ha presentato un piano per ridurre le emissioni nette di CO2 a zero entro il 2050

La Commissione Europea ha presentato una strategia di lungo termine per ridurre a zero le emissioni nette (emissioni uguali agli assorbimenti) di anidride carbonica – cioè la CO2, il principale responsabile del riscaldamento globale – entro il 2050. La strategia è stata resa pubblica stamattina dal commissario per l’azione per il clima e l’energia Miguel Arias Cañete, e prevede otto possibili scenari per l’Unione Europea per tagliare le emissioni di anidride carbonica ed essere in linea con gli Accordi di Parigi. La Commissione consiglierà agli stati membri di seguire il più radicale, cioè quello che prevede il taglio completo delle emissioni nette nei prossimi 32 anni (gli stati possono ovviamente decidere di non seguire le raccomandazioni della Commissione).

Parlando con Reuters martedì, Arias Cañete aveva detto che «bisogna diventare la prima grande economia completamente de-carbonizzata e la prima a raggiungere completamente l’obiettivo delle emissioni zero». Il commissario aveva anche aggiunto che l’obiettivo era «assolutamente fattibile», anche se richiederà molti investimenti: per esempio un aumento annuale di investimenti nell’energia e nelle infrastrutture “pulite” dal 2 per cento del PIL al 2,8 per cento, cioè fino a 290 miliardi di euro.

I paesi dell’Unione Europea avevano già concordato di ridurre le emissioni di anidride carbonica del 45 per cento entro il 2030 e del 60 per cento entro il 2050. Nei prossimi mesi, la Commissione avvierà una campagna di lobby per convincere i governi nazionali ad adottare il piano presentato oggi.

Il commissario europeo per l'azione per il clima e l'energia Miguel Arias Cañete. (ERWIN SCHERIAU/AFP/Getty Images)