• Sport
  • giovedì 22 novembre 2018

Il Palermo Calcio è stato venduto, ma non si sa a chi

Con un comunicato pubblicato giovedì mattina sul proprio sito, il Palermo Calcio ha reso noto il passaggio di proprietà della squadra a un fondo acquirente il cui nome ancora non si conosce. Il comunicato dice che “verrà reso noto fra alcuni giorni” e non è firmato da un dirigente del Palermo, ma da Maurizio Belli, amministratore delegato di Financial Innovations Team, l’advisor a cui la società di Maurizio Zamparini ha affidato la vendita della squadra. Nonostante non si conosca ancora l’identità della nuova proprietà, nel comunicato si legge che “la trattativa è da ritenersi conclusa positivamente”. Il Palermo si trovava in vendita da tempo e l’anno scorso era sembrato vicino al passaggio a un gruppo di investitori statunitensi rappresentati dal trader ed ex inviato delle Iene Paul Baccaglini. L’affare però non si era concluso dopo che Baccaglini aveva contestato l’impossibilità di quantificare con certezza i debiti della società.

Il Palermo, che da due anni gioca nel campionato di Serie B, era proprietà di Maurizio Zamparini da sedici anni, durante i quali la squadra era arrivata ad avere una presenza stabile in Serie A e nelle coppe europee. Nelle ultime stagioni, tuttavia, Zamparini aveva ridimensionato i suoi investimenti nella squadra in previsione della vendita. Lo scorso novembre la Procura di Palermo aveva inoltre presentato istanza di fallimento per via degli elevati debiti societari. Il club tuttavia era riuscito a garantire la stabilità dei suoi conti e il Tribunale di Palermo aveva rigettato l’istanza della procura.

Maurizio Zamparini a colloquio con la squadra del Palermo (Tullio M. Puglia/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.