Deutsche Bank ha ammesso di essere coinvolta nello scandalo di riciclaggio di Danske Bank

La banca tedesca Deutsche Bank ha ammesso di essere coinvolta nel grosso scandalo di Danske Bank, il più grosso scandalo bancario nella storia dell’Unione Europea. A settembre un’indagine indipendente aveva rivelato che Danske Bank, la più importante banca della Danimarca, aveva partecipato al riciclaggio di circa 2o0 miliardi di euro di denaro russo ed ex-sovietico attraverso la sua divisione estone. Le indagini avevano portato alle dimissioni del CEO della banca, Thomas Borgen. Deustche Bank ha detto di aver gestito almeno 130 miliardi di euro di denaro “sospetto” proveniente dalla succursale estone di Danske Bank. In quanto banca corrispondente, Deustche Bank ha aiutato i clienti di Danske Bank in Estonia a trasferire denaro nel sistema finanziario degli Stati Uniti. Le rivelazione di Deutsche Bank arrivano dopo che lunedì l’ex dirigente di Danske Bank Howard Wilkinson aveva testimoniato davanti al parlamento della Danimarca. Wilkinson, che ha detto che anche due banche statunitensi sono coinvolte nello scandalo di riciclaggio, non ha potuto rivelare il nome della banca europea per via di un accordo di riservatezza firmato con Danske Bank al momento del suo licenziamento.

La Deutsche Bank di Francoforte, 1 febbraio 2018 (Thomas Lohnes/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.