Si è dimesso il CEO di Danske Bank, la banca danese coinvolta in un enorme scandalo di riciclaggio

Thomas Borgen, CEO di Danske Bank, la principale banca danese, si è dimesso dopo che sono emerse prove che la divisione estone della banca sia stata usata per un’operazione di riciclaggio di denaro per circa 200 miliardi di euro. «È evidente che Danske Bank non è stata all’altezza delle sue responsabilità nel caso del possibile riciclaggio di denaro in Estonia. Mi dispiace molto», ha scritto Borgen in un comunicato, aggiungendo che un’indagine commissionata a una società legale esterna ha confermato che in quanto CEO non ha violato nessuna legge. Negli ultimi sei mesi, Danske Bank ha perso circa un terzo del suo valore: lo scandalo era iniziato nei primi mesi del 2018, quando gli Stati Uniti avevano riscontrato una possibile operazione di riciclaggio nella banca estone e avevano sospeso i prestiti e gli affari della Danske Bank con le banche americane.

Thomas Borgen, ex CEO di Danske Bank. (ANNE BAEK/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.