• Mondo
  • giovedì 15 novembre 2018

L’economia della Germania si è contratta a sorpresa dello 0,2 per cento, sembra per via dei dazi tra Stati Uniti e Cina

L’economia della Germania si è contratta a sorpresa dello 0,2 per cento nel terzo trimestre dell’anno, alimentando così nuove preoccupazioni per la crescita economica europea e per il rischio che si vada verso una nuova recessione. Il calo del PIL tedesco è stato il primo dal 2015, e si deve a una diminuzione delle esportazioni che molti osservatori considerano una conseguenza della guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina (in breve, la Cina sta comprando meno merci tedesche, soprattutto meno auto, perché la loro economia sta soffrendo le conseguenze dei dazi). Se il risultato di questo trimestre non fosse isolato, le implicazioni per l’Europa sarebbero preoccupanti: i grandi giornali internazionali, come il New York Times, citano esplicitamente la situazione politica e finanziaria dell’Italia tra gli altri grandi segnali di preoccupazione.

All'interno della fabbrica Volkswagen di Wolfsburg, Germania (Sean Gallup/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.