Questo è lo schermo pieghevole di Samsung

Trasforma uno smartphone in un tablet e viceversa, ma per ora l'azienda non ha dato molte altre informazioni

Samsung ha mostrato un’anteprima del suo nuovo atteso dispositivo con schermo pieghevole, nel corso di un evento organizzato mercoledì 7 novembre a San Francisco, negli Stati Uniti. È una sorta di via di mezzo tra uno smartphone e un tablet, con un sistema di chiusura a libro per potere utilizzare uno schermo interno più grande o uno esterno, più piccolo e simile a quello dei classici smartphone. Anche se si parla da molto tempo di schermi pieghevoli, finora la loro diffusione è stata scarsa a causa di alcune limitazioni tecnologiche, che ora Samsung sembra essere riuscita a superare.

Per la dimostrazione, Samsung ha nascosto il suo nuovo “Infinity Flex Display” all’interno di un involucro piuttosto voluminoso, dicendo di volere proteggere il suo prototipo in attesa di presentare il prodotto definitivo. La dimostrazione è durata pochi minuti ed è stata curata da Justin Denison, uno dei vicepresidenti dell’azienda negli Stati Uniti. Le luci sul palco sono state abbassate ed è stato creato qualche controluce per nascondere ulteriormente il dispositivo.

Lo smartphone che fa anche da tablet, o viceversa, si presenta da chiuso come un classico cellulare con schermo touchscreen. Dal lato sinistro si apre come un libro rilevando un display ripiegato su se stesso, che si estende offrendo uno schermo molto più grande e paragonabile a quello di un tablet di dimensioni medio-piccole. Il sistema utilizza Android, che proprio alcuni giorni fa ha annunciato di avere aggiunto alcune opzioni per gestire gli schermi pieghevoli.

Justin Denison, SVP del Mobile Product Development di Samsung, con in mano l’Infinity Flex Display (AP Photo/Eric Risberg)

Durante una presentazione più tecnica, Samsung ha poi rivelato qualche informazione in più sul suo dispositivo. Lo schermo più piccolo ha una risoluzione di 840×1960 pixel, mentre quello interno una volta aperto raggiunge i 1536×2152 pixel. Il primo è grande 4,5 pollici circa, mentre il secondo 7,3 pollici (per fare un confronto, un iPad mini ha uno schermo da 7,9 pollici).

A parte queste informazioni, Samsung non ha fornito molti altri dettagli sul suo nuovo dispositivo. Sappiamo che potrà gestire più applicazioni contemporaneamente sui due schermi, posto che i produttori di app collaborino ad adattare i loro servizi per questo scopo. L’aggregatore di notizie e contenuti Flipboard ha annunciato di essere già al lavoro per una versione della sua app adatta al formato a libretto. Samsung è uno dei più grandi produttori di smartphone al mondo, quindi ha i mezzi e le risorse per convincere altri sviluppatori a realizzare versioni delle loro applicazioni adatte al nuovo dispositivo.

Lo stato di sviluppo dell’Infinity Flex Display sembra essere quasi terminato e dovrebbe mancare poco alla sua produzione di massa. Samsung ha detto che sarà avviata nel corso del prossimo anno, ma non ha comunicato date precise. Gli schermi pieghevoli iniziano a suscitare grande interesse tra i produttori di smartphone, che stanno accelerando i loro lavori di sviluppo per arrivare prima dei concorrenti. Oltre a Samsung, a progetti di questo tipo lavorano quasi tutti i produttori come Xiaomi, LG e Lenovo. Anche Microsoft, che produce i Surface, sta esplorando la possibilità di creare un nuovo tipo di tablet che diventa tascabile.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.