• Italia
  • giovedì 8 novembre 2018

È morta Mariasilvia Spolato, la prima donna italiana a dichiararsi pubblicamente lesbica

È morta Mariasilvia Spolato, attivista dei diritti LGBT e considerata la prima donna a dichiarare pubblicamente la propria omosessualità, durante una manifestazione femminista a Roma, l’8 marzo del 1972. La notizia è stata data oggi ma Spolato è morta il 31 ottobre a Bolzano, a 83 anni.

Spolato era nata nel 1935 a Padova, dove si era anche laureata in Matematica a pieni voti; poi si era poi trasferita a Milano per insegnare e aveva preso parte ai movimenti dei diritti civili del ’68. Divenne famosa in tutta Italia quando Panorama pubblicò una foto che la ritraeva alla manifestazione del 1972, mentre reggeva un cartello con scritto “Liberazione omosessuale”. Per questo fu licenziata dalla scuola, in quanto “indegna” per l’insegnamento, e rinnegata dalla famiglia. Divenne una senzatetto, si spostò in varie città italiane e si fermò infine a Bolzano. Dopo una grave infezione a una gamba fu ricoverata nella casa di riposo Villa Armonia, dove ha passato gli ultimi anni della sua vita.

Mariasilvia Spolato (ANSA/ LORENZO ZAMBELLO)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.