• Mondo
  • lunedì 5 novembre 2018

Un’attivista anti-corruzione ucraina, Kateryna Handzyuk, è morta quattro mesi dopo essere stata aggredita con acido solforico

Un’attivista ucraina, Kateryna Handzyuk, è morta per le ferite riportate a luglio, quando era stata aggredita con dell’acido solforico. Handzyuk si occupava di lotta alla corruzione e negli ultimi mesi aveva indagato sulla corruzione nella polizia e tra i politici ucraini attorno alla città di Cherson, un importante porto sul fiume Nipro, accusando tra le altre cose un potente agente di polizia locale di prendere una tangente del 3 per cento su tutti gli affari commerciali della città, scrive il Guardian.

Alla fine di luglio un uomo le aveva rovesciato in testa un litro di acido solforico. Handzyuk aveva riportato gravi ustioni su oltre il 30 per cento del corpo e aveva sostenuto 11 operazioni chirurgiche prima di morire domenica. Cinque persone sono state arrestate con l’accusa di aver organizzato l’aggressione, ma non sono ancora noti i mandanti. La Commissione europea ha chiesto un’indagine forte e rigorosa.