• cit
  • venerdì 2 novembre 2018

Oggi caldarroste

Un uomo vive in un rifugio improvvisato dopo che la sua casa è stata distrutta dai bombardamenti durante la Seconda guerra mondiale, nel 1942. La foto è stata scattata non lontano da viale Argonne, sullo sfondo si vede la cupola della Chiesa di san Nereo e san Achilleo. (Keystone/Getty Images)

«Torni da vial Certosa,
torni di Cimiteri
in mezz a on someneri
de cioccatee che vosa,
de baracchee che canta
e che giubbiana in santa
pas con de brasc la tosa.
L’è el dì di Mort, alegher!
Sotta ai topiett se balla,
se rid e se boccalla;
passen i tramm ch’hin negher
de quij che torna a cà
per magnà, boccallà:
scisger e tempia… alegher
fioeuj, che semm fottuu!
I noster patatocch
a furia de traij ciocch,
de ciappaij per el cuu,
de mandaij a cà busca
m’àn buttaa via la rusca,
scalcen a salt de cuu,
scappen, sti sacradio,
mollen el mazz, me disen,
mollen i arma, slisen
de tutt i part, el Zio
me l’à pettaa in del gnàbel
longh quatter spann e stàbel,
l’è el dì di Mort e dio!
Passen i tramm ch’hin negher
gent sora gent… lingera…
tosann e banch de fera!…
«Oh i bej coronn!» «Alegher!»
«oh i bej lumitt!» «oh i pizzi,
le belle tende, oh i pizzi!»
«L’è el dì di Mort… alegher!»
… e giò con sta missolta
de locch che a brigadella
canta alla-loibella:
«O macchinista
ferma il diretto
perchè al distretto
me tocca andà…»
– questa l’è bonna! scolta:
«stacca la macchina,
ferma il diretto
che son costretto
d’andà a soldà!»
… a furia de batost
tirom là… «Caldarost!»
… e giò vers porta Volta,
adree con sto mis-masc
de ciocch che se balanza…
Te vedet?! No me vanza
pu che i nost quatter strasc,
l’eredità l’è andada,
semm in bolletta in strada
tornèmm a fà el pajasc!
Comincia adasi… adasi…
a vegnì sira… e là…
– canten anmò, dà a trà –
«… che al mio paese
voglio tornà…»
giò vers Milan l’è quasi
scur… rong e semineri,
navili e cimiteri
suden adasi, adasí,
umed e nebbia… Ottober,
cocober… pover nun!
vun per vun, vun per vun,
me perteghen i rogher!
Oh Gesù, che sbiottada
de piant! che pertegada
là sù!… Ottober… cocober!…
Turines giolittian,
milanes socialista,
coragg, lustrev la vista!
Tognitt de San Damian,
slarghev el coeur, hin chì…
torna i todisch… hin chì…
riven qui car pattan,
qui car barbis, qui rost
de cojn! A stondera
per i banch della fera
pavani e pensi ai nost
miseri:… rogn, deslippa
e generaj de pippa!…
e quell dì… «Caldarost!…

Delio Tessa (1886-1939), L’è el dì di mort, alegher!, 1932

Delio Tessa, milanese, è considerato tra i principali poeti in dialetto del Novecento. A causa delle sue idee antifasciste, non ebbe mai un ruolo nel mondo culturale ufficiale e tutte le sue poesie vennero pubblicate postume tranne l’omonima raccolta da cui è tratta questa poesia, dedicata al Giorno dei morti. Di seguito trovate la traduzione in italiano.

È il dì dei Morti, allegri!
«Torno da viale Certosa
torno dai cimiteri
in mezzo a un semenzaio
di avvinazzati che vociano,
di festaioli che cantano
e che scherzano in santa
pace a braccetto della ragazza.
È il dì dei Morti, allegri!
Sotto le pergole si balla,
si ride e si tracanna;
passano i tram neri
di quelli che tornano a casa
per mangiare e sbevazzare:
ceci e tempia… allegri
figlioli, che siamo fottuti!
I nostri fantaccini
a furia di intontirli,
di prenderli per il culo,
di mandarli a prender botte
hanno gettato la divisa,
scalciano a salti di culo,
scappano, questi sacrati,
hanno mollato, mi dicono,
buttano le armi, se la svignano
da tutte le parti, lo Zio
ce l’hanno schiaffato nel deretano
lungo quattro spanne e stabile,
è il giorno dei Morti e dio!
Passano i tram neri
gente su gente… teppa
ragazze e bancarelle da fiera!
“Oh le belle corone!” “Allegri!”
“Oh i bei lumini! ” “Oh i pizzi,
le belle tende, oh i pizzi!”
“È il dì dei Morti… allegri!”
… e via con questa accozzaglia
di giovinastri che a brigatelle
cantano spavaldamente:
“O macchinista
ferma il diretto
perché al distretto
me tocca andà”
– questa è buona! ascolta:
“Stacca la macchina,
ferma il diretto
che son costretto
d’andà a soldà! ”
…a furia di batoste
tiriamo innanzi… “Caldarroste!”
… e giù verso porta Volta,
e via con questa baraonda
di barcollanti ubriachi….
Lo vedi?! Non ci restano
più che i nostri quattro stracci,
l’eredità è sfumata,
siamo in bolletta in strada
torniamo a fare il pagliaccio!
Comincia adagio… adagio…
a venir sera… e là…
– cantano ancora, ascolta –
” … che al mio paese
voglio tornà”
giù verso Milano è quasi
buio, rogge e seminati,
navigli e cimiteri
trasudano adagio, adagio,
umido e nebbia. Ottobre,
zuccone, poveri noi!
ad una ad una,
ci abbacchiano le roveri!
Oh Gesù, che spogliata
di piante! che battuta
lassù ! … Ottobre… zuccone!…
Torinesi giolittiani,
milanesi socialisti,
coraggio, rallegratevi!
Austriacanti di San Damiano,
allargate il cuore, son qui
tornano i tedeschi… sono qui…
arrivano quei cari ragazzi,
quei cari baffoni, quei pedantoni!
A zonzo
fra i banchi della fiera
mi aggiro frettolosamente e penso alle nostre
miserie: … grane, sfortuna
e generali buoni a nulla!
… e quel giorno… “Caldarroste!»

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.