• Mondo
  • mercoledì 31 ottobre 2018

La Corte Suprema ungherese ha assolto la giornalista che fece uno sgambetto a un migrante in fuga dalla polizia

La Corte Suprema ungherese ha assolto Petra Laszlo, la giornalista e operatrice video che nel settembre del 2015 sgambettò un migrante che insieme al figlio tentava di scappare dalla polizia al confine tra Serbia e Ungheria. Laszlo era stata condannata a tre anni di libertà condizionata per violazione dell’ordine pubblico, ma la Corte Suprema ha deciso che aveva commesso un reato minore e quindi la pena era eccessiva, pur specificando che il suo atteggiamento era stato “moralmente scorretto” (oltre allo sgambetto al padre che corre con il figlio, cercò anche di dare un calcio a una donna).

Il video dello sgambetto di Laszlo circolò molto online, anche perché in quel periodo la cosiddetta crisi dei migranti era particolarmente intensa, soprattutto in quelle aree. Laszlo divenne un simbolo delle dure politiche ungheresi nei confronti dei migranti ma fu comunque licenziata da Nemzeti Televízió, il sito di news ungherese per cui lavorava. In seguito chiese scusa ma poi fece causa al migrante sgambettato e sostenne, senza alcun fondamento, che l’uomo facesse parte di un’organizzazione terroristica. L’uomo, Osama Abdel Muhsen Al Ghadab, nel frattempo è arrivato in Spagna insieme al figlio, dove ha ottenuto asilo politico e dove lavora come allenatore di calcio.

Stephan Richter/picture-alliance/dpa/AP Images

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.