Il primo smartphone al mondo con display flessibile

È stato presentato mercoledì dalla semisconosciuta Royole Corporation, che ha battuto sul tempo Samsung e Huawei: ma il prodotto sembra avere ancora qualche problema

Una società californiana poco conosciuta ha presentato a Pechino, in Cina, il primo smartphone al mondo pieghevole e con un display flessibile. La società si chiama Royole Corporation e il telefono si chiama FlexPai. Una volta aperto, presenta un display di 7,8 pollici, ma una volta ripiegato gli schermi separati e più piccoli sono tre: uno sul fronte, uno sul retro e uno sul dorso. La versione, scrivono diversi giornali, avrà comunque bisogno di miglioramenti: il telefono chiuso, ad esempio, non è piatto e potrebbe risultare piuttosto ingombrante.

La distribuzione sarà fatta tramite flash sales, cioè vendite a tempo online. La prima sarà domani, giovedì primo novembre, per il mercato cinese. Royole Corporation ha già confermato che rilascerà una versione simile del proprio prodotto per gli sviluppatori di tutto il mondo. FlexPai avrà un prezzo compreso tra 8,999 e 12,999 yuan, cioè tra 1.400 e 1.650 euro circa.

Era da tempo che si parlava di brevetti relativi a smartphone flessibili ed era diffusa l’opinione che le prime aziende a commercializzarli sarebbero state Samsung o Huawei.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.