• Sport
  • mercoledì 17 ottobre 2018

Un tribunale cinese ha ordinato la confisca del passaporto a Yonghong Li, ex proprietario del Milan

Il tribunale della provincia di Hubei ha ordinato la confisca del passaporto cinese all’investitore Yonghong Li, proprietario e presidente del Milan fino allo scorso luglio, mese in cui perse le sue quote di maggioranza per gravi inadempienze fiscali. A Yonghong Li, che ha la residenza ad Hong Kong, è stato quindi vietato di lasciare la Cina, anche se non è chiaro dove si trovi ora. Secondo i media finanziari cinesi la confisca del passaporto sarebbe stata causata dall’entità dei debiti accumulati nei confronti di una società con sede nella provincia da cui è stata emanata la confisca. Di Yonghong Li non si avevano notizie dalla scorso agosto, quando venne riconosciuto in un video circolato sui social network. Secondo alcune indiscrezioni avrebbe anche rinunciato alle azioni legali annunciate mesi fa nei confronti di Elliott, il fondo americano subentrato al suo posto come proprietario di maggioranza del Milan.

(MIGUEL MEDINA/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.