È morto Paul Allen, il cofondatore di Microsoft

Aveva 65 anni e si stima che abbia donato più di 2 miliardi di dollari in attività filantropiche

Paul Allen, il fondatore di Microsoft con Bill Gates e filantropo, è morto lunedì 15 ottobre a causa delle complicazioni per un tumore ai linfonodi. Aveva 65 anni. Allen aveva detto di avere avuto una recidiva del linfoma non Hodgkin un paio di settimane fa, dicendo di essere fiducioso sull’esito dei nuovi trattamenti cui sarebbe stato sottoposto. Insieme a Gates, nel 1975 Allen partecipò alla fondazione di Microsoft, azienda che avrebbe avuto un impatto enorme nell’informatica e sulla diffusione dei computer nelle case di miliardi di persone.

Lasciò la società nel 1983 dopo la sua prima diagnosi di un tumore, che riuscì a tenere sotto controllo grazie alle terapie. Divenne un investitore di successo, attraverso la sua società Vulcan avviata nel 1986. Si stima che Allen abbia donato complessivamente più di 2 miliardi di dollari in attività benefiche, di ricerca e per l’istruzione. Nel 2010 si impegnò a donare la maggior parte del suo patrimonio in beneficenza dopo la propria morte.

Paul Allen (AP Photo/Elaine Thompson)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.