• Sport
  • lunedì 15 ottobre 2018

L’Italia di pallavolo alle Final Six dei Mondiali

In due giorni la Nazionale femminile si gioca la qualificazione alle semifinali, ma potrebbe già ottenerla oggi contro il Giappone

Le giocatrici della Nazionale festeggiano la vittoria contro la Thailandia (FIVB via AP)

Oggi la Nazionale femminile di pallavolo esordirà nelle Final Six dei Mondiali, la fase del torneo che qualifica alle semifinali in programma questa settimana: giocherà a Nagoya alle 12.20 italiane contro le padrone di casa del Giappone, una delle migliori squadre del torneo. L’Italia, tuttavia, è stata la migliore di tutte. È riuscita a vincere tutte e nove le partite che ha disputato nelle prime due fasi del torneo, vincendo sempre con almeno due set di scarto e concedendone solamente quattro alle avversarie. Alle Final Six però si ripartirà da zero: i punti ottenuti nelle fasi precedenti non conteranno più. Di fatto inizia un altro torneo, dove anche una partita sbagliata può portare all’eliminazione, come si è visto un mese fa nei Mondiali maschili in Italia.

L’Italia era considerata fra le prime sei partecipanti, ma il cammino pressoché perfetto fatto fin qui dalla Nazionale allenata da Davide Mazzanti e capitanata da Cristina Chirichella si deve anche alle grandi condizioni di alcune sue giocatrici. Su tutte Paola Egonu, fin qui probabilmente la miglior giocatrice del torneo: è la miglior realizzatrice per distacco, con 182 punti segnati complessivamente, la seconda miglior schiacciatrice e la seconda più efficace a servizio. Egonu ha diciannove anni ed è nata e cresciuta a Cittadella, in provincia di Padova, in una famiglia di origini nigeriane. Fra le prime dieci realizzatrici c’è anche un’altra italiana, Miryam Fatime Sylla, schiacciatrice ventitreenne nata a Palermo da genitori ivoriani ma cresciuta nella provincia lombarda. Fra le migliori va citata anche il libero Monica De Gennaro, una delle ricevitrici più in forma del torneo.

Se oggi l’Italia dovesse riuscire a battere il Giappone si qualificherebbe matematicamente alle semifinali con un turno di anticipo, per via della sconfitta subita ieri dal Giappone contro la Serbia. Dei due gironi triangolari delle Final Six passeranno il turno le prime due. Quella di oggi sarà comunque una partita complicata, in cui l’Italia dovrà stare attenta soprattutto alle combinazioni in campo delle avversarie. Domani contro la Serbia potrebbe essere ancora più difficile, considerando la grande forza fisica della nazionale slava. L’Italia potrebbe tuttavia arrivarci già da qualificata, a seconda del risultato di oggi. Giappone-Italia sarà trasmessa in diretta e in esclusiva dalla Rai su Rai 2 e Rai 2 HD. Si potrà seguire anche in streaming tramite l’applicazione o il sito di Rai Play, raggiungibile da questo link.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.